Tag Archives: politica

Ma i “Giovani d’oggi” ??!

1 Ott

Sono seduto nella sala d’aspetto di un medico della mutua; luce un po’ soffusa poiché è al piano terra con quelle belle tendine alle finestre, la segretaria è china su un plico di ricette e lo mette via e poi lo riprende in mano; sembra che non abbia nulla da fare. I giornali di gossip più ‘spazzatura’ che si possano acquistare, la fanno da padrone sul tavolino alto quanto il garrese di un Beagle; accanto a me, un signore chino sul telefonino degli anni ’90; quegli indistruttibili telefonini; accanto a lui una signora anziana sulla ottantina che chiacchiera animatamente con un signore che deve avere più o meno la sua stessa età. Sembra siano degli abitué poiché conoscono la segretaria, scherzano con lei, si raccontano tra loro fatti personalissimi; credo siano di quegli anziani che vanno in quei posti giusto per fare due tre chiacchiere, per sparlare un po’. Ad un tratto però il discorso prende una piega strana, iniziano a parlare dei giovani d’oggi che non han voglia di far nulla, che non li aiutano perché, sai “sono tutti tanto occupati”, ovviamente in tono ironico, con il cellulare, la ragazza, le vacanze, andare a ballare… sento con piacere che questi signori sono molto aggiornati sui giorni nostri dalle parole che dicono. Mi piacerebbe domandargli se anche ai ‘loro tempi’ la vita per un Giovane era così dura come oggi; mi piacerebbe domandargli se anche a lui hanno fatto mille contratti da due o tre mesi non retribuiti, senza garanzie, senza sicurezze, senza contributi pensione, senza tutela alcuna da parte della legge, senza malattie e ferie pagate; mi piacerebbe domandargli, visto che sembra che solo loro si siano ‘spaccati la schiena e abbiano lavorato’, se anche ai loro tempi si leggevano annunci di lavoro incomprensibili come questo: ”Cercasi persona motivata e disposta a lavorare in team, nei weekend, la notte, apprendista con tre anni di esperienza nella mansione di vendita porta a porta, guadagni commisurati all’esperienza” ; mi piacerebbe domandargli se anche loro sanno cosa vuole dire essere bombardati giorno e notte di frasi di personaggi fantomatici e politici che ci prendono in giro ogni giorno di più. Vorrei anche domandare a questi signori, su quali basi affermano quello che stanno dicendo perché tutta la gente che conosco io gira col curriculum in mano, vorrebbe farsi una famiglia ma non può, niente mutui, niente fidi, le famiglie possono aiutarti ma non vivere un’altra vita per te e così che fai? Ti ritrovi dentro un call center a rompere i coglioni alla gente che come te non ha soldi da spendere; a provare a vendere prodotti porta a porta che nessuno acquisterà mai e, nel frattempo, gli anni passano e tu non hai nemmeno un euro di contributi per la pensione, senza contare che la maggior parte di Noi lavora per 500 o 600 euro al mese; quando va bene!. Poi si sente dire che i giovani d’oggi non hanno più sogni, che sogni dovremmo avere se non possiamo nemmeno immaginarci di mettere al mondo un figlio senza aver paura di fargli fare la fame? Che sogni dovremmo avere senza sapere se tra un mese avremo ancora quel lavoro di merda che abbiamo adesso? Che sogni dovremmo avere se ci sentiamo in colpa a chiedere il nostro stipendio con due mesi di arretrati? Questa storia dei sogni mi fa venire in mente un immagine che ho visto questa estate al mare; un ragazzino aveva perso il suo piccolo canotto gonfiabile e con lo scirocco, questo si allontanava sempre di più dalla riva come rotolando sull’ acqua. Qualcuno è partito a nuoto ma il canotto si allontanava, sempre di più, sempre di più… ecco cosa mi fa venire in mente questa storia che i giovani d’oggi non hanno più sogni.

Leggendo la “Gazzetta di Modena” questa mattina poi, ho trovato un articolo veramente ‘interessante’ che racconta la storia di quattro immigrati che lavorano qui al mercato della mia città lodandoli per i loro sforzi nel lavorare e per reggere alle tasse, all’IVA; diceva che il il 90% di bancarelle al mercato sono gestite da immigrati…che bravi, mi piacerebbe sapere se uscirà mai un articolo che invece parli delle cose reali, dei giovani come me che vivono Modena e l’Italia, dei nostri affanni e dei nostri sogni che anche senza scirocco, si allontanano sempre di più. Grazie stampa, grazie anziani…ma del resto, coi media e i politici che ci ritroviamo; mica ce la possiamo prendere con gli anziani…Giovani,  non siate schizzinosi

Ah ovviamente, il canotto mica sono riusciti a prenderlo, alla fine sì…hanno mollato e lui è sparito all’ orizzonte…

Chinatown economiche…a Modena..

15 Ago

L’altro giorno mi sono imbattuto in un banner pubblicitario alquanto “inquietante”; vendo tutto ai cinesi… La mia curiosità imprenditoriale e non, mi ha spinto rapidamente a cliccare su di esso ed entro in un sito il cui link fa tipo “cinesicompranotutto”. Praticamente si tratta di una agenzia che tu contatti in caso voglia vendere la tua attività o il tuo immobile e loro ti mettono subito in contatto con imprenditori cinesi per concludere l’affare.
Oggi è ferragosto, dicono che in città non cè nessuno, i negozi tengono tutti chiusi, tanto non verrà nessuno a ferragosto; la gente si è fatta la sua spesa per i due giorni che vengono e, sui giornali, si legge che la crisi sta distruggendo ogni cosa, anche se l’Italia forse tra un annetto uscirà dalla recessione. Io sono uno stimato fumatore e quindi, quale scusa migliore per andare a fare un giro fino alla macchinetta delle sigarette prima di pranzo il giorno di ferragosto. Bè non sono stato alla macchinetta no, mi sono fermato in uno dei centinaia di bar di cinesi che, ovviamente invece a Ferragosto, come tutti gli altri giorni e le altre sere, sono aperti. Appena entrato mi sono sentito come se fossi in mezzo ad un branco di pecore fermo in mezzo alla strada, gente fuori che chiacchiera con un caffe in mano sui tavolini, gente dentro che legge il giornale, gioca alle macchinette, acquista chewin gum o caramelline, paste, pizzette.
Sembrava un ristorante del centro al sabato sera in novembre, dove la gente fuori aspetta che si liberi il primo tavolo, al freddo, sfumacchiando.
Mi sono messo in fila pensando che dovevo andare alla macchinetta, invece, nel giro di un nano secondo, una brunetta con gli occhi a mandorla e un sorriso piccolissimo mi fa “prego ciao dimmi!” Sbigottito, intasco le ‘paglie’ ed esco…
Mentre rientravo, altri quattro bar rosticcerie e tabaccherie di cinesi erano affollate da Italiani come formiche su un formicaio. Hai capito questi cinesi, comprano tutto…e poi tengono anche aperto a ferragosto, la domenica, la sera fino all’una di notte. Ma ecco la domanda che forse farà arrabbiare qualche lettore: Che fanno invece gli Italiani delle loro attività?
Ascoltano il tg sentendo parlare di crisi e poi chiudono appena possono;i bar di Italiani sono meno forniti, meno cordiali perché mi capita spesso, in tabaccheria, di dover aspettare dieci minuti per prendere le sigarette perché la tabaccaia sta discutendo con una signora di gratta e vinci; alle sette e mezzo o prima son già tutti chiusi, ferie di venti giorni e poi, magari, ti ritrovi questi imprenditori modenesi nei bar dei cinesi a prendere i caffè la domenica mattina.
Del resto a Ferragosto si sa, chi vuoi che venga nel mio bar, la cittá è deserta, non cè nessuno, gli affari vanno male, i giornali dicono che nessuno va in ferie…..e il mio bar tabaccheria, lo tengo chiuso; e quando rientrerò dalle ferie, racconterò ai miei clienti dei giorni feriali di quanto le spiagge erano deserte, di quanto l’Italia stia andando a rotoli e invece quei dannati cinesi, hanno tutte le fortune del mondo…
Ovviamente non voglio generalizzare e la crisi è certo un problema reale ma io credo che, come diceva Einstein “è impossibile che le cose cambino se si continua a fare sempre la stessa cosa”. Mi sarebbe piaciuto andare in un bar di un modenese oggi, magari fare due chiacchere su quanta gente invece è in cittá a ferragosto, le strade sono piene, magari in dialetto, magari lui avrebbe potuto dire che non chiude di certo, che non perde opportunità invece, credo che tornerò da quel cinese entro sera….stasera grigliata ed io, ho voglia di una birra e li costa anche meno, oltre ad essere gli unici aperti…. Buon ferragosto
!

20130815-143752.jpg

Giorno Dopo Giorno….GDG…

23 Ott

Avrei tante cose da fare, tipo sistemare quegli scatoloni ammassati uno sull’altro come un gomitolo di prose di pensieri.

Avrei tante cose da riguardare, ma poi lo so, cadrei in qualche ricordo come i gattini che si vedono nelle TV a basso ascolto finiti dentro le grondaie, i tunnel sottoterra o sui tralicci dell’alta tensione.

A volte ti accorgi che ti conosci troppo bene e allora avresti tante cose da dirti.

Altre volte ti accorgi di essere soltanto uno dei tanti; come quei ragazzi appoggiati alle colonnine della fermata del bus, quelle fermate calde sotto al sole, col plexiglass appannato dagli eventi e da qualche writer a cui piace dire la sua, in qualche modo. Ti accorgi di essere uno così, uno che fa la sua strada, giorno dopo giorno, prima in bicicletta andando a scuola, poi in motorino alle superiori, macchina al lavoro e così via…il bus quando sarai vecchio e osserverai qualche ragazzino buttato sulle colonnine sotto le fermate del bus percosse dai fatti, anche lui è lì a fare la sua strada, giorno dopo giorno.

Ogni tanto poi ti imbatti in qualche personaggio interessante; interessante almeno fino al punto di chiederti se hai mai conosciuto un pezzo di merda come quello e mentre te lo stai domandando ti accorgi di essere anche tu complice a un gioco a cui non ti va più di giocare.

Fin da quando in bicicletta andavi a scuola, rispettando i semafori rossi e pedalando forte giù per le discese, per quante discese uno possa trovare in città, eri già complice di qualcosa che non andava; senza saperlo, senza chiederti come mai eri già assolutamente complice di un sistema che ti accorgi solo ora, a metà strada, di quanto sia sbagliato.

Bisognerebbe fare come quel tipo laggiù, con la macchina ferma in doppia fila e la cravatta luccicante a chiacchierare col gestore di quel bar di asiatici che puzza di vino bianco e che ha il pavimento appiccicoso; bisognerebbe fare come quelli che ti mandano quelle cartoline così senza senso, con scritto soltanto ‘Tanti saluti da….’ .

Bisognerebbe avere una via di uscita dai bar col pavimento appiccicoso, o rischi di restarci dentro.

Come quel tizio sulla porta, che barcollando con il Pile infeltrito e le scarpe antinfortunistiche, sta facendo l’equilibrista per aprire il pacchetto di sigarette senza rovesciare il frizzantino che sa di tappo che ha nel bicchiere da stamattina.

Cercare lavoro oggi? perchè no!

11 Giu

Pensavo ad alcune delle risposte pervenute al mio precedente post, riguardo al fatto di cambiare vita; del coraggio di stravolgere la propria situazione in un momento.

Basta parlare del terremoto…dopotutto, se non importa ai politici e ai giocatori di calcio miliardari…perché dovrei preoccuparmene io.

Così, un po’ arrabbiato, ho deciso di fare una breve ricerca del tipo: “ma se volessi cambiare davvero vita, lavoro ecc. sarebbe possibile?” .

Non vi dico la risposta perché credo sia giusto che ognuno trovi da sé la risposta giusta alle sue esigenze, in ogni modo mi sono tuffato sul cercare un lavoro nuovo…

Sono rimasto sbalordito e inorridito dalle migliaia di proposte di lavoro che ci sono in migliaia di siti, anche perché appena scrivi “offerte di lavoro” in google, trovi migliaia di siti pronti a farti cambiare vita.

Vuoi fare il manager? Vuoi fare il modello\a ? vuoi NON fare assolutamente nulla ma diventare miliardario mentre sei alle Bahamas?? Niente di più facile a sentire alcuni siti.

Ho pensato quindi immediatamente di farmi un appropriato curriculum e cominciare ad inviare a destra e a sinistra, a quelli che mi sembravano più seri e ho ovviamente ascoltato attentamente le tecniche per diventare miliardario senza fare assolutamente…un cazzo; di questi non parlo nemmeno perché per farlo devi prima spendere un sacco di soldi per comprare cazzate e non ci riuscirai mai quindi… .

Ricordavo che una volta, qualche anno fa; neanche troppi anni fa, se volevo cercare lavoro potevo andare sul sito dell’Informagiovani della mia città e cominciare a spulciare, ce n’erano tantissimi e devo dire che rimediai anche parecchi colloqui col datore di lavoro; oggi questo non esiste più! Oggi non è più possibile se non in rari casi parlare col datore di lavoro perché ogni cosa viene gestita tramite agenzia di lavoro. L’agenzia mette l’annuncio e scrive tipo: “Per importante azienda MULTINAZIONALE nostra cliente, siamo alla ricerca di bla bla finché poi scorgi qualche nome in inglese tipo Buyer account senior\junior anche prima esperienza; rendimenti più alti sul mercato, carriera, auto aziendale, palmare aziendale, notebook aziendale, vitto e alloggio per i Manager account buyer senior” e continua ancora…. L’agenzia ti farà il colloquio informativo e di selezione, l’agenzia gestirà i tuoi rapporti col datore di lavoro e alla fine scoprirai che hanno bisogno di un telefonista di call-center a progetto e part-time. Anche gli informagiovani dei comuni si sono venduti!  Ovviamente prima di rispondere a qualsiasi annuncio devo iscrivermi all’agenzia di lavoro interinale…perdendo quasi una giornata di ‘non guadagni’ e tempo prezioso; lasciando tutti i dati personali e spuntando varie migliaia di pagine di privacy.

Così cerco su altri siti. Molti addirittura ti chiedono soldi, tipo 5 euro, per l’iscrizione…ma io sto cercando di guadagnare soldi, non ne voglio spendere…com’è possibile?? Per sfogliare un giornale on line devo pagare, per cercare lavoro mi devo registrare e farmi intasare la mail con promozioni inutili e come se non bastasse, inquietanti banner mi dicono che un certo Giovanni che consegna pizze a domicilio ha guadagnato mentre dormiva 10000 euro…  Inoltre, ne vedo un altro che mi invita ad un tavolo di poker, un altro che mi vende una guida per diventare professionista delle vendite imparando la PNL (che sarebbe il convincimento; praticamente dicendoti qualcosa ti obbligo inconsciamente a comprare quello di cui non hai bisogno); la mia domanda resta la stessa: io voglio trovare lavoro, un lavoro onesto….non diventare un truffatore, un manipolatore, un giocatore di poker. Insomma, cercare lavoro sembra un impresa impossibile e attenzione perché per lavoro io intendo un lavoro vero, a tempo indeterminato, un lavoro con cui campare mio figlio! Uno noioso insomma!! Voglio un lavoro noioso perché non me lo da nessuno!?! Ho voglia di annoiarmi!!.

L’altro giorno facevo un giro per il centro, entro in un bar tabaccheria a comprare sigarette e c’era una signora di 60 anni che giocava alle macchinette; un’altra ha dato al tabaccaio 100 euro per dieci gratta e vinci…prendo un caffè nel frattempo…dai 10 gratta e vinci la signora ha tirato su 20 euro e ne ha comprati altri due; poi ha perso. Quella che giocava alle slot, di fianco a un improbabile rappresentante, aveva gli occhi spenti e la borsa piena di soldi…durante un mio caffè ha speso 200 euro…occhio e croce.

Uscendo pensando a questo mondo che va all’incontrario mi sono caduti gli occhi su attività nuove in città.

Due in particolare che mi sono accorto essere cresciute a macchia d’olio: I centri massaggi Cinesi, dove i soldi li puoi solo spendere….e le sale giochi.

Hanno alle pareti manifesti di ragazze in minigonna sedute a qualche slot-machines, non c’è nemmeno una finestra, non si capisce nemmeno dov’è l’entrata eppure, qualcuno deve averlo capito perché fuori da una di queste c’è un tizio vestito di chiaro che si beve una birra in bottiglia alle nove di mattina e conta i soldi che ha dentro una sporta di plastica e dai soffioni del riciclo dell’aria che rovinano uno dei manifesti in vetrina esce un incredibile puzza di fumo. Una volta proprio lì c’era un negozietto di PC, un meccanico, un fruttivendolo sorridente con le guance rosse.

L’unica cosa possibile e raggiungibile non appare più un lavoro ma le slot, le sale giochi, i gratta e vinci, i tavoli da poker on line, le scommesse….ecco perché persone intelligenti spendono vita e soldi a farsi fregare così e oggi più che mai, non è colpa loro…il magna magna dello stato è inarrestabile!! e ormai è anche difficile fare marcia indietro. Trovare lavoro è impossibile!

Io non sono una “ragazza di bella presenza per fare la TAVOLINA in locali notturni” Ma cos’è poi?? e non sono nemmeno un “Operaio specializzato nella manipolazione di qualche particolare atomo nucleare con un esperienza quinquennale nella mansione” perciò….tanto vale provare a guadagnare soldi dormendo…o entrando nelle sale gioco e nel frattempo, che Dio ci aiuti!

Ho pensato di aprire anche io un centro per massaggi cinese o una sala giochi, ma sapete qual è il problema? Che a me, sembra di andare a rubare il carrello della spesa ad un clochard a fare questo.

Un po’ come un finanziere che una volta amichevolmente mi ha detto… “eh ma non dipende da noi, la legge è così!”…che bravo che era, lui sì che faceva il suo lavoro.

Quello che forse gli è sfuggito è che anche lui ha potuto scegliere; scegliere di boicottare certi sistemi, io non servo uno stato che mi sfrutta e non lo farò mai! Proprio come quella che ti cambia i soldi in quelle buie sale giochi fumose….proprio come quello che vende gratta e vinci…quand’è che almeno il Ministero della Difesa, visto che si chiama così, inizierà a difendere anche noi oltre che uno stato basato sulla truffa?!

Morale della favola…bisogna aspettare momenti migliori per volare alle Bahamas e cambiare vita, nel frattempo berrò qualche cocktail col ventaglio dentro una sala giochi…chissà magari vinco…ALOA!!

Quante sconfitte!

8 Mag

Molte volte credo davvero di essere sbagliato.

Ogni volta che qualcuno mi da qualche appuntamento a cui non mi va di andare, ogni volta che sono costretto a viaggiare solo, ogni volta che perdo qualcosa. Come facciamo ad essere sicuri che era davvero quello che volevamo fare nella nostra vita? Io ad esempio, volevo guidare gli aereoplani, volevo fare il pompiere, il medico, non passare la giornata al telefono con qualcuno che nemmeno mi ascolta. No non è così che deve andare.

Oggi ho acceso come tutte le sere la televisione al TG, altri morti, altri imprenditori e disoccupati che si tolgono la vita…il TG sta diventando peggio di Grace Anatomy e il brutto, è che sappiamo anche il perché! Quanto può valere una vita? Io non so quanto vale ma so quanto non vale; non vale di certo nemmeno miliardi dei così ‘cari’ Euro, non vale nemmeno qualche cartella esattoriale.

Purtroppo, so quanto non vale e so invece cosa importa agli altri; agli altri, quelli che “contano” importano i soldi….quindi quelle vite, teoricamente non valgono nulla per loro. E’ triste vedere aziende che chiudono giorno dopo giorno, bar sempre più vuoti nelle zone industriali, è triste anche vedere quelli come me, che viaggiano alla ricerca di qualcosa che non è ancora arrivato. Sono indignato, indignato che tutto questo succede proprio nel mio paese, sono indignato che nessuno fa niente di concreto per smetterla!

Dov’è veramente questo Dio di cui si parla spesso!?

Abbiamo perso la nostra speranza…ed era l’unica cosa che avevamo,abbiamo perso la nostra voglia di costruire eppure si diceva che nessuno può fermare le idee…stiamo perdendo tanto, stiamo perdendo tanti!!

Ogni volta che esco dall’azienda mi chiedo sempre ma come mai la Signora che fa le pulizie in tutti gli uffici è più sorridente di me eppure, lei se ne va via in bicicletta, eppure, lei pulisce dove sporco io e tutti gli altri, eppure a lei il telefono non suona mai….deve cambiare qualcosa dentro di noi, forse solo allora potremmo guardare un TG per intero senza soffrire, per noi e per gli altri….Quante sconfitte!

Questo Post non merita nessuna foto…soltanto un pensiero…

Due conti sui Politici…

3 Mag

Sarebbe bello vero partire?? Per dove? Ma come per dove, per i paradisi fiscali…

Eh già, però, come direbbe Vasco Rossi, noi siamo ancora qua, come mai?? Certo ho sentito parlare anche io della fuga dei cervelli dall’Italia, per forza che fuggono, che ve lo dico a fare…ma quella è un’altra cosa.

Ormai forse chi mi segue e legge ogni tanto, avrà capito che in certi giorni mi viene una gran voglia di fare due conti. Ho letto da poco uno dei tanti articoli, anche qui su WP, che parla degli stipendi dei parlamentari, bè ormai è cosa risputa, avete riso anche voi lo so leggendo gli stipendi dei parlamentari; il mio conto però lo faccio lo stesso.

Un parlamentare prende in media e stando dalla parte dello zoppo, 10.000euro (occhio e croce) , facciamo che prendano tutti questa somma per comodità…. Ovviamente è inutile e mi dilungherei a dirvi che invece prendono molto di più e lo sapete tutti ormai. Sono 945 persone in tutto circa, perciò semplice : 945×10.000 = 9.450.000 euro…aspetta… NOVEMILIONI e 450 Mila EURO???? Al mese??? Interessante!! All’anno sono circa 114milioni di euro che spendiamo.

Se poi contiamo che ad oggi il Ns. debito pubblico è di circa…. 1.941.910.920euro…e che se i parlamentari si togliessero stipendio e agi vari, (da me non contati) vi lascio fare i conti a voi: quanto ci mettiamo a ‘risanare le finanze’? che bel termine che ho usato, nonno Monti sarà fiero di me lo so!! E pensate, se ci mettiamo così tanto in un modo che è un Utopia, come fanno a credere che io creda che tra qualche anno sarà tutto ok???Voi ci credete?? Credo di no…

Lo so, sembra uno di quei conti che ci dice che durante la nostra vita passiamo circa 5 anni a sedere sul cesso ma è così…

P.S. per chi non è debole di cuore consiglio vivamente questa pagina http://www.italiaora.org/ (ma sarà reale”)…non vi dico cosa c’è, è la sorpresa; se invece siete deboli di cuore o vi ho già rovinato la serata coi miei conti..allora guardate la TV e mi raccomando! Che sia spazzatura!!